News

30 Settembre 2016

L’Argentina del Futsal porta un po’ di Italia nella finale Mondiale

Nel Mondiale che alla Nazionale azzurra ha lasciato ferite ancora da rimarginare, un po’ di Italia sarà comunque presente nella finale, quella che vedrà di fronte l’Argentina e la Russia. Tra le fila dell’Albiceleste, infatti, tante sono le conoscenze del futsal nostrano, alcune pronte ad iniziare a breve il nostro massimo campionato nazionale, altre che in passato hanno scritto pagine di storia del calcio a 5 italiano.

GLI ARGENTINI DALLA SERIE A – Sono ben cinque, sui quattordici totali che formano la Nazionale, i giocatori argentini che, tra qualche settimana, prenderanno parte alla nostra Serie A. Quattro di questi hanno già calcato i nostri parquet nelle passate stagione, uno lo farà per la prima volta. La new entry è rappresentata da Alan Brandi, neo pivot dell’Acqua&Sapone e autore, finora, di un assist e di due reti, una delle quali siglata contro il Portogallo in semifinale. Stesso numero di gol ed assist per Pablo Taborda, laterale difensivo in forza alla Luparense dal 2013 e già Campione d’Italia nella stagione 2013-2014. Tricolore già vinto anche da altri due dei protagonisti dell’avventura argentina in terra colombiana, Borruto e Cuzzolino. Compagni di squadra già dai tempi delle vittorie italiane ed europee del Montesilvano, insieme anche nel periodo Acqua&Sapone e ancora oggi protagonisti insieme, in Italia, nelle fila del Pescara, i due si stanno mettendo in grande evidenza e sono entrambi andati a segno nella semifinale di due giorni fa (quarto centro per Borruto e terzo per Cuzzolino). Il quinto “italiano” protagonista della finale sarà Gerardo Battistoni, altro veterano del nostro futsal, in possesso anche del passaporto italiano ed ex azzurro, avendo in passato vestito la maglia della nostra Nazionale in alcune amichevoli. Nel 2014, poi, per il giocatore del Latina, ex di Rieti, Pescara e Lazio, arrivò la prima convocazione argentina, quella che diede il via alla sua avventura in albiceleste.

LE VECCHIE CONOSCENZE – Se per tanti argentini l’Italia fa parte del presente, per altri il Belpaese rappresenta il passato, fatto però di grandi soddisfazioni. Il giocatore coi ricordi più recenti è sicuramente Maxi Rescia, trasferitosi in estate dal Pescara agli spagnoli del Santa Coloma, e protagonista nelle ultime otto stagioni in Italia con le maglie, tra le altre, di Napoli, Cogianco ed Acqua&Sapone. Ha lasciato un segno indelebile in Italia anche Fernando Wilhelm, oggi al Benfica, ma con un passato decennale “italiano”, fatto anche di tre vittorie tricolori, e vissuto vestendo i colori di Arzignano, Marca ed Asti. In Italia ha militato anche Stazzone, approdato al Latina nell’estate del 2012, e oggi protagonista in patria al San Lorenzo. Ultima vecchia conoscenza del nostro futsal è Diego Giustozzi, il ct della Nazionale sudamericana. Il mister argentino, da giocatore, ha vestito le maglie delle più prestigiose squadre italiane (Pescara, BNL Roma, Montesilvano, Nepi e Canottieri Lazio) e, proprio nel nostro Paese, ha iniziato la sua carriera in panchina. Dopo aver guidato nella stagione 2011-2012 la Juniores della Canottieri Lazio, infatti, Giustozzi prese in mano la guida tecnica del Real Rieti nel marzo del 2013, ricoprendo per alcuni mesi il doppio ruolo di giocatore e allenatore.

L’Argentina si prepara alla partita più importante della propria storia, quella che potrebbe portare anche un pizzico di Italia sul tetto del mondo.

News Nazionale , , , , , , , , ,
About Luca Giannini
Nessuno come lui sa presentare una giornata o un big match di Futsal. Laureato in Scienze Politiche e Sociali presso l'Università degli Studi di Torino, scrive sia di calcio a 5 che di calcio a 11 oltre a collaborare come telecronista di eventi sportivi per un canale Youtube.