Nazionale

20 Ottobre 2015

Italia cinica: 2-0 nella prima amichevole con l’Iran

Atmosfera delle grandi occasioni all’Estraforum di Prato dove 2.500 spettatori attendono l’Italia per l’esordio nelle ultime due amichevoli contro l’Iran prima delle qualificazioni Mondiali che si giocheranno a Bari e Bisceglie dal 10 al 13 Dicembre.

Gara molto intensa che si sblocca dopo 3 minuti di gioco grazie ad un fantastico break di Gabriel Lima che intercetta una ripartenza avversaria e serve sul secondo palo Merlim.

L’Iran mantiene il possesso palla grazie alla qualità dei suoi giocatori ma si dimostra molto imprecisa sotto porta o trova davanti a sé un grande Mammarella, mentre l’Italia colpisce ad ondate creando diverse occasioni da rete (soprattutto sul secondo palo) senza trovare il raddoppio.

Ultimi minuti di grande sacrifico per gli Azzurri che con 5 falli fatti devono mostrare tutta la loro forza mentale e di gruppo per arginare le avanzate insistenti degli avversari.

Negli ultimi secondi però l’Italia colpisce ancora in contropiede con Canal che cerca Lima al centro dell’area di rigore ma trova l’autorete di Tavakoli per il 2-0 finale.

Migliore in campo: Luca Leggiero
Colpito da un grave lutto familiare decide comunque di scendere in campo e viene eletto “migliore in campo di Raisport”. Dopo che sembrava aver perso il suo posto fisso in Nazionale, se l’è ripreso a suon di prestazioni con il suo club, il Pescara, per il quale è diventato un giocatore insostituibile vista la sua duttilità tattica. Difende e gioca con attenzione, senza rinunciare a qualche galoppata offensiva. Prezioso.

Nazionale
22 Settembre 2015

Italia pronta per la prima amichevole con la Croazia

I preparativi sono (quasi) ultimati. La nazionale italiana di futsal ha concluso anche la seconda seduta di allenamento al Palazzetto dello Sport di Novigrad, dove martedì sera (ore 19, diretta testuale sul sito della Divisione Calcio a cinque) sfiderà la Croazia in un’amichevole internazionale, che sarà replicata mercoledì sera (ore 19.30) a Opatija. Per i campioni d’Europa in carica è il primo impegno di una nuova stagione densa di appuntamenti importanti, che a dicembre prevede il Main Round di qualificazione al Mondiale seguito auspicabilmente dagli spareggi di marzo/aprile. Nel mezzo, a febbraio, il Campionato Europeo di Belgrado, dove la squadra guidata da Roberto Menichelli sarà chiamata a difendere il titolo conquistato due anni prima ad Anversa.

Per mantenere intatta la positiva tradizione contro la Croazia – quattordici successi Azzurri e un pareggio nei quindici precedenti – bisognerà soprattutto guardarsi dalla stella Dario Marinović, compagno di club (gioca in Spagna ne ElPozo Murcia) del capitano Azzurro Gabriel Lima; ma è tutto il gruppo guidato da Mato Stanković che merita rispetto.

I diciotto Azzurri convocati, dopo la seduta mattutina durata circa un’ora e mezzo, hanno lavorato per sessanta minuti sul parquet del Palazzetto dello Sport di Novigrad: dopo il riscaldamento, il lavoro si è articolato in esercizi di possesso palla con sponde, esercizi attacco contro difesa (alta), schemi su palle inattive. L’allenamento si è concluso anche in questo caso con una partitella. Tutti a disposizione dello staff tecnico, che dunque domani potrà effettuare le sue scelte senza ‘vincoli’ medici: a referto, infatti, andranno come ogni gara internazionale quattordici giocatori, quindi quattro (un portiere più tre di movimento) dovranno accomodarsi in tribuna.

Alla vigilia delle due amichevoli ha parlato anche il Commissario tecnico Azzurro. “Normalmente le amichevoli di inizio stagione sono programmate contro una squadra di valore inferiore rispetto a quello della Croazia, che è una squadra importante che come hanno sottolineato gli addetti ai lavori ha giocato contro di noi le ultime due volte (finale terzo/quarto posto a Euro 2012, quarti di finale a Euro 2014) perdendo ma dandoci sempre filo da torcere”, ha dichiarato alla vigilia Menichelli, “Affrontarli a settembre non è semplice, sia perché abbiamo solo una giornata di campionato nelle gambe sia perché abbiamo fatto qualche innesto per valutare giocatore nuovi”.

Il Ct ha ben chiaro in testa che cosa si aspetta da questi due test. “Vogliamo valutare se la squadra, nonostante le difficoltà, ha la capacità di tenere il confronto contro un’avversaria che è tra le prime d’Europa e rappresenta una fascia d’elite”, ha spiegato, “E’ un punto di valutazione, poi chi ha continuità nella nazionale non deve smettere di dimostrare di poter giocare ad alto livello e invece i nuovi che si inseriscono devono dare indicazioni importanti. Come abbiamo detto altre volte, l’Italia è composta da una rosa ampia di giocatori che di volta in volta noi inseriamo. Rappresentano due delle complessive quattro amichevoli che dobbiamo giocare, dalle quali dovrà uscire la squadra che affronterà a dicembre le qualificazioni al Mondiale. I giocatori devono aver chiara questa dinamica, sono necessari impegno e concentrazione da parte loro”.

Anche perché sarà un anno denso di appuntamenti cruciali. “Quando nella stessa stagione sportiva si sommano le qualificazioni al Mondiale alla fase finale dell’Europeo, è sempre impegnativo”, ha sottolineato il Ct azzurro, “Anche perché hai molta competizione e poche ‘finestre’ per provare delle cose, per lavorare…gli allenamenti diventano le gare che giochi. L’Iran a ottobre sarà un test ‘forte’, stavolta in una collocazione temporale più abituale, che ci consentirà di completare una valutazione. Grosso modo, ripeto, la rosa verrà fuori da queste partite”. Le aspettative nei confronti degli Azzurri sono alte. “Abbiamo fatto un ciclo di lavoro che ci ha portato a prendere medaglie, fino all’oro al Campionato Europeo ad Anversa”, ha concluso Menichelli, “Da una parte ci si abitua male, ma dall’altra per noi è molto importante mantenerci competitivi. Questa è una cosa verso cui siamo orientati. Da questo a dire altro un po’ ce ne corre: noi come squadra abbiamo lavorato bene negli anni, attraverso il lavoro abbiamo ottenuto dei risultati ma ci sono forze in gioco – mi riferisco in particolare a Spagna e Russia – che comunque hanno valori importanti, se non superiori all’Italia. Cerchiamo di mantenerci competitivi e vedere che cosa possiamo fare anche in questa nuova stagione, dove uno degli appuntamenti sarà giocare l’Europeo da campioni uscenti: un’esperienza nuova, che non ci era mai capitata…”.

Ufficio Comunicazione Divisione Calcio a 5
Foto: Paolo Cassella

Nazionale
17 Settembre 2015

Ecco i convocati del CT Menichelli per la doppia amichevole con la Croazia

La Nazionale Italiana Futsal giocherà le sue ultime due amichevoli prima delle qualificazioni ai Mondiali (Dicembre 2015) e gli Europei (Febbraio 2016) Martedì 22 settembre a Novigrad (calcio d’inizio ore 19) e il giorno successivo, mercoledì 23 settembre, a Opatija (il via alle 19.30) contro la Croazia.

Per questo importante appuntamento il CT Roberto Menichelli ha convocato 18 Azzurri tra conferme e qualche interessante novità:

PORTIERI: Stefano MAMMARELLA (Acqua&Sapone Emmegross), Michele MIARELLI (Gruppo Fassina Luparense), Giuseppe MICOLI (Real Rieti)

GIOCATORI DI MOVIMENTO: Mauro CANAL (Pescara), Massimo DE LUCA (Asti), Francesco DENTINI (Corigliano Futsal), VINICIUS Carlos Dos Santos (Kaos Futsal), Marco ERCOLESSI (Pescara), Rodolfo FORTINO (Sporting Lisbona), Daniel GIASSON (Gruppo Fassina Luparense), Gabriel LIMA (ElPozo Murcia), Alex MERLIM (Sporting Lisbona), Vincenzo MILUCCI (Real Rieti), MURILO Ferreira Juliao (Acqua&Sapone Emmegross), Alessandro PATIAS (Benfica), Sergio ROMANO (Asti), Angelo SCHININÀ (Kaos Futsal), Arlan Pablo VIEIRA (Corigliano Futsal)

Nazionale
1 Settembre 2015

Il CT Roberto Menichelli ad Atene per il corso allenatori UEFA Futsal B

Il CT della nazionale italiana di futsal, Roberto Menichelli, è da lunedì ad Atene, dove sta supervisionando il Corso per allenatore di base UEFA Futsal B. Menichelli, che fa parte del Gruppo di lavoro della UEFA insieme al Ct della Spagna José Venancio Lopez, al suo predecessore Javier Lozano Cid e al Ct del Portogallo Jorge Braz, sta seguendo il corso – organizzato dalla EPO, la federazione calcistica greca, in collaborazione con lo stesso organismo che governa il calcio europeo – in qualità di “tutor” e a sua volta svolgerà alcune ore di lezione. Tra mansioni del tecnico azzurro, docente alla scuola allenatore del Centro tecnico federale di Coverciano, c’è anche quella di verificare se il protocollo UEFA sia applicato in modo corretto, in base alle convenzioni stipulate.

Il Corso di Istruzione UEFA per allenatori di futsal è il progetto per unificare il format dei corsi all’interno dell’organismo che governa il calcio europeo per conseguire la licenza B per allenare. Durante il corso, che si articola in 123 ore minime di lezioni, vengono affrontati vari argomenti come la tecnica e tattica del futsal, la metodologia dell’allenamento, la psicologia, la medicina sportiva, il regolamento di gioco. Al termine del corso si ottiene una qualifica riconosciuta a livello internazionale per i tecnici che lavorano nel calcio a cinque.

Menichelli farà rientro in Italia domani, giovedì 20 agosto, ma tornerà in seguito ad Atene (data da stabilire) per gli esami finali; a settembre sarà impegnato invece a Coverciano con gli esami dei partecipanti al Corso per l’abilitazione ad “Allenatori di Calcio a Cinque di Primo Livello”.

Nazionale
10 Agosto 2015

Colombia 2016: le qualificazioni si giocano a Bari

Sarà Bari a ospitare il gruppo 7 del Main Round di qualificazione al Mondiale di futsal, in programma in Colombia dal 14 settembre al 2 ottobre 2016 in Colombia. La Nazionale di Roberto Menichelli torna a giocare nel capoluogo pugliese a distanza di quasi tre anni: il precedente più recente risale infatti al marzo 2013, quando gli azzurri al PalaFlorio (e al Palasport di Andria) staccarono il biglietto per Euro 2014 battendo Finlandia, Montenegro e Ungheria.

La speranza, ovviamente, è che il ritorno a Bari sia di buon auspicio per la squadra di Menichelli, che in caso di primo o secondo posto accederebbe agli spareggi in programma il 22 marzo e il 16 aprile (le sette squadre che chiuderanno il Main Round al primo posto avranno il vantaggio di giocare la gara di ritorno in casa). Gli Azzurri, dal 10 al 13 dicembre, affronteranno Slovacchia, Macedonia e la vincente del Gruppo A del Preliminary Round, che si giocherà dal 22 al 25 ottobre e che vedrà in campo Georgia, Moldavia, Andorra e Gibilterra.

C.U. Divisione Calcio a 5

Nazionale
3 Luglio 2015

Il commento di Mr. Menichelli sul sorteggio del Main Round di qualificazione di Colombia 2016

“Si tratta di un girone di qualificazione al Mondiale, quindi sarà un impegno importante in cui le gare vanno giocate con molta determinazione e concentrazione. La Slovacchia l’abbiamo affrontata recentemente prima dell’Europeo in Belgio, ottenendo due vittorie a San Vito al Tagliamento, mentre contro la Macedonia nell’ultimo periodo non abbiamo mai giocato. Comunque, come riscontrato negli ultimi periodi, il gap tra nazionali di prima fascia e quelle considerate inferiori si è notevolmente colmato. Come sempre sarà necessario giocare con molta attenzione e prendere nel giusto verso le gare che formano questo quadrangolare”

Nazionale
2 Luglio 2015

L’Italia ospiterà il Main Round di qualificazione a Colombia 2016

La nazionale italiana di futsal, campione d’Europa in carica, giocherà in casa il Main Round di qualificazione al Mondiale 2016, in programma dal 10 al 13 dicembre. Gli Azzurri conosceranno le loro rivali nel quadrangolare giovedì 2 luglio, quando a Nyon – quartier generale della UEFA – si svolgerà il sorteggio (ore 14.30, diretta streaming su it.uefa.com).

In seconda posizione nel ranking ufficiale UEFA, la nazionale guidata da Roberto Menichelli sarà ovviamente testa di serie e dunque non potrà incontrare nel Main Round Spagna, Russia, Portogallo, Ucraina, Croazia e Repubblica Ceca; esclusi inoltre abbinamenti con Ungheria, Olanda e Turchia, che a loro volta ospiteranno un raggruppamento.

Le prime due classificate di ciascuno dei sette gironi del Main Round accedono agli spareggi per conquistare l’accesso al Mondiale 2016, che si giocheranno martedì 22 marzo (andata) e martedì 12 aprile (ritorno): la vittoria nel quadrangolare assicura la possibilità di giocare contro una seconda classificata con la partita di ritorno in casa. Da ricordare che negli spareggi è in vigore, come nelle competizioni calcistiche, la regola dei gol in trasferta.

Al Mondiale in Colombia, in programma dal 14 settembre al 2 ottobre 2016, parteciperanno come a Thailandia 2012 ventiquattro nazionali, sette delle quali europee. L’Italia dovrà comunicare entro il 16 ottobre la sede del Main Round ed entro il 16 novembre gli orari d’inizio delle sei partite del quadrangolare.

Road to Colombia
2 luglio 2015: sorteggio del Preliminary e del Main Round, a Nyon

22, 23 e 25 ottobre 2015: Preliminary Round

10, 11 e 13 dicembre 2015: Main Round

12 febbraio 2016: sorteggio degli spareggi, a Belgrado (durante la fase finale di UEFA Futsal Euro)

22 marzo e 12 aprile 2016: spareggi

14 settembre–2 ottobre 2016: FIFA Futsal World Cup in Colombia (da ufficializzare la data del sorteggio)

Nazionale