Nazionale

14 Aprile 2016

Le parole di Romano e Vinicius, protagonisti nella grande notte di Prato

Una serata fantastica quella vissuta dall’Italfutsal all’Estraforum di Prato con il 6-0 inflitto all’Ungheria e la qualificazione ai Mondiali di Colombia 2016.
Ecco le interviste di due dei protagonisti della serata: Sergio Romano che ha firmato una doppietta e Vinicius al suo primo gol in azzurro.

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/italfutsal/videos/vb.315459171814128/1335777059782329/” width=”560″ height=”315″ onlyvideo=”1″]


Nazionale
14 Aprile 2016

L’Italia batte 6-0 l’Ungheria e vola al Mondiale

L’Italfutsal sarà in Colombia (Settembre-Ottobre 2016) per difendere il terzo posto conquistato nell’ultima edizione della Coppa del Mondo. Nella gara di ritorno del playoff di qualificazione disputata al PalaEstra di Prato, gli azzurri hanno superato l’Ungheria con il punteggio di 6-0. Dopo il 3-0 dell’andata, a dire il vero, la qualificazione sembrava ormai cosa fatta, ma gli uomini di Menichelli hanno dato prova di grande maturità, giocando una splendida partita davanti ad un palasport pieno in ogni ordine di posto. Sono tante le belle notizie che arrivano da Prato, perché oltre alla vittoria ed al pass mondiale l’Italia sembra aver dato una risposta forte a tutti coloro che credevano che il ciclo fosse chiuso.
Sembrano già lontani infatti gli europei in Serbia e la cocente eliminazione nei quarti di finale.

L’Italia c’è, vince e convince, staccando meritatamente un biglietto per la Colombia. L’unico vero spavento della gara arriva a poco più di dieci secondi dall’inizio, con Mammarella che si supera spegnendo subito ogni tentativo di rimonta magiara. Da quel momento in poi è un vero e proprio show azzurro : a sbloccare il match è Romano (autore di una doppietta) dopo due minuti e quaranta secondi. Trovato il gol del vantaggio gli azzurri giocano in scioltezza, raddoppiando neanche un minuto più tardi grazie al capolavoro di Merlim. L’Ungheria ci prova, inserisce il portiere di movimento ma l’Italia è semplicemente troppo forte. Gli azzurri colpiscono con un chirurgico Vinicius che insacca a porta sguarnita il 3-0. Prima della sirena ci pensa Fortino a calare il poker, mandando le squadre al riposo con il punteggio di 4-0. Nella ripresa la gara ha davvero poco da dire : ancora Romano e Kakà siglano il definitivo 6-0 di fronte ad un festante PalaEstra. Una vittoria dedicata anche a Mauro Canal, con la curiosa esultanza azzurra ai gol con Romano che indica il suo numero di maglia.

L’ultimo impegno ufficiale prima dei mondiali si chiude dunque nel migliore dei modi. L’Italia risponde presente e vuole tornare ad essere protagonista per dimenticare Belgrado e scrivere nuove, indelebili, pagine di storia .

Nazionale
13 Aprile 2016

Romano e Lima in vista della sfida contro l’Ungheria che vale il Mondiale

Mercoledì 13 Aprile (Ore 20,30 in diretta raisport) l’Italia del Futsal giocherà il ritorno di playoff per l’accesso al Mondiale contro l’Ungheria.
La vittoria per 0-3 dell’andata è un ottimo punto di partenza ma il capitano Gabriel Lima e Sergio Romano vogliono tenere alta la concentrazione.

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/italfutsal/videos/vb.315459171814128/1334625509897484/” width=”560″ height=”auto” onlyvideo=”1″]


[fbvideo link=”https://www.facebook.com/italfutsal/videos/vb.315459171814128/1335004403192928/” width=”560″ height=”auto” onlyvideo=”1″]

Nazionale
12 Aprile 2016

A 40 minuti dal Mondiale: Italia-Ungheria su Raisport1 HD

Il 3-0 conquistato all’andata è un ottimo punto di partenza ma, per completare l’opera, agli azzurri di Menichelli manca ancora l’ultimo passo prima di poter strappare il biglietto in direzione Colombia, sede dei prossimi Mondiali. L’ultimo gradino da affrontare per gli azzurri è rappresentato dall’Ungheria che domani sera, alle ore 20.30, tenterà la difficile rimonta dopo il KO subito nella sfida d’andata. La partita si disputerà a Prato, all’Estraforum, con ingresso gratuito. Chi non potrà essere presente al Palazzetto avrà la possibilità di seguire la gara in diretta tv su RaiSport1.

GLI AZZURRI: L’Italia è al lavoro da alcuni giorni proprio a Prato dove, nel pomeriggio di oggi, sosterrà la sua ultima sessione di allenamento prima della partita. A disposizione del CT Menichelli ci sono 18 giocatori, gli stessi che, fatta eccezione per Patias sostituito da Caverzan, avevano composto il gruppo per la sfida d’andata. Massima concentrazione per la squadra azzurra che, pur consapevole di avere la qualificazione quasi in mano, sa di non poter abbassare la guardia per non rischiare di incorrere in pericolosi scivoloni.

L’UNGHERIA: Di fronte ai nostri ragazzi ci sarà la formazione guidata in panchina da Sito Rivera, ex tecnico anche di Napoli e Luparense. I magiari, oltre al passivo da recuperare, si trovano un altro grande ostacolo da affrontare: l’assenza per squalifica di Droth, grande protagonista degli ultimi Europei e recentemente entrato a far parte della rosa del Kairat Almaty, la squadra capace di vincere due delle ultime tre edizioni della UEFA Futsal Cup.

L’ANDATA: Meno di un mese fa, a Miskolc, la truppa azzurra era stata capace di imporsi, come detto, per 3-0. Dopo un primo tempo privo di reti ma non di emozioni, la ripresa si apriva con l’importante ammonizione di Droth e, soprattutto, con il vantaggio azzurro siglato da Merlin, a seguito di uno schema su calcio d’angolo battuto da Lima. L’Ungheria, in svantaggio, provava la carta del portiere di movimento ma veniva beffata da una deviazione di testa di Fortino dopo il perfetto assist con le mani di Mammarella. A chiudere la partita ci pensava poi, con un preciso sinistro, ancora una volta Merlim.

LA FORMULA: L’Italia parte dunque con un triplice vantaggio da gestire. Qualora, però, gli ungheresi riuscissero a imporsi con tre reti di scarto, avrà la meglio la squadra capace di mettere a segno più reti in trasferta, mentre in caso di ulteriore parità, se la sfida terminasse cioè per 0-3, si procederà con tempi supplementari ed eventuali rigori.

Nazionale
22 Marzo 2016

Stasera Ungheria-Italia: interviste a De Luca, Mammarella e Canal

L’Italia del Futsal è pronta a scendere in campo contro l’Ungheria per l’andata dei playoff di qualificazione ai Mondiali di Colombia 2016. Stasera infatti gli Azzurri sfideranno alla Generali Arena di Miskolc la compagine di Zoltan Droth, uno dei più forti attaccanti del panorama europeo e mondiale, protagonista all’Europeo con 4 gol in 2 partite e neo-acquisto del Kairat Almaty.

Stamattina sono stati ufficializzati i 14 convocati dal CT Roberto Menichelli:

PORTIERI: 1 Stefano MAMMARELLA (Acqua&Sapone Emmegross), 12 Francesco MOLITIERNO (Carlisport Cogianco)

GIOCATORI DI MOVIMENTO: 11 Mauro CANAL (Pescara), 7 Massimo DE LUCA (Asti), 9 Rodolfo FORTINO (Sporting Lisbona), 13 Daniel GIASSON (Gruppo Fassina Luparense), 6 Humberto HONORIO (Gruppo Fassina Luparense), 14 Dos Santos Da Silva Augusto KAKÀ (Kaos Futsal), 5 Luca LEGGIERO (Pescara), 3 Gabriel LIMA (ElPozo Murcia), 10 Alex MERLIM (Sporting Lisbona), 15 MURILO Ferreira Juliao (Acqua&Sapone Emmegross), 4 Sergio ROMANO (Asti), 16 Angelo SCHININÀ (Kaos Futsal)

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/italfutsal/videos/vb.315459171814128/1313720931987942/” width=”560″ height=”auto” onlyvideo=”1″]


[fbvideo link=”https://www.facebook.com/italfutsal/videos/vb.315459171814128/1313694518657250/” width=”560″ height=”auto” onlyvideo=”1″]


[fbvideo link=”https://www.facebook.com/italfutsal/videos/vb.315459171814128/1313387858687916/” width=”560″ height=”auto” onlyvideo=”1″]

Interviste Coppa italia, Nazionale
17 Marzo 2016

Andata qualificazioni Mondiali: Italia in ritiro a Roma

La delusione europea del post Belgrado brucia ancora ma, per la Nazionale azzurra, è tempo di guardare oltre. Dal 10 settembre, infatti, sono in programma i Mondiali in terra colombiana e, per strappare il pass, l’Italia si prepara ad affrontare l’Ungheria negli spareggi di qualificazione. La sfida d’andata si giocherà martedì 22 marzo alle ore 18 alla “Generali Arena” di Miskolc e, in vista di questa sfida, il gruppo azzurro si è già radunato ed è al lavoro, agli ordini del CT Menichelli, al Pala To Live di Roma.

GLI AZZURRI – Il Commissario Tecnico, nonostante l’Europeo non abbia soddisfatto le attese, ha voluto ridare fiducia agli stessi uomini su cui aveva puntato per la rassegna continentale. Unica novità, rispetto alle precedenti convocazioni, è il ritorno nel gruppo azzurro di Kakà. Gruppo che però, una volta riunitosi a Roma, ha dovuto fare i conti con i forfait, dovuti a infortuni muscolari patiti nei rispettivi club, di Miarelli ed Ercolessi. Se il giocatore del Pescara non è stato sostituito, al posto del portiere della Luparense è stato convocato Micoli, estremo difensore del Real Rieti. Gli azzurri lavoreranno in quel di Roma fino a domenica quando, nel primo pomeriggio, partiranno alla volta di Budapest.

L’UNGHERIA – Tra l’Italia e il Mondiale, come detto, proverà ad inserirsi l’Ungheria che non prende parte ad un Mondiale dal 1989, quando approdò al secondo turno della competizione ma, inserita nello stesso girone dell’Italia, proprio come gli azzurri, fu eliminata. Il girone è l’ostacolo che i magiari, guidati in panchina dall’ex Napoli e Luparense Sito Rivera, non sono riusciti a superare neanche nel recente Europeo in cui hanno collezionato due sconfitte contro Spagna ed Ucraina. Durante la competizione, però, ha brillato la stella del pivot Droth, autore di quattro delle cinque reti realizzate dagli ungheresi e, di recente, entrato a far parte del roster del Kairat, il club vincitore di due delle ultime tre edizioni della Uefa Futsal Cup.

I PRECEDENTI – Sono 17 le sfide finora andate in scena tra Italia ed Ungheria ed il bilancio è, decisamente, a favore degli azzurri. A fronte di due pareggi e di due sconfitte, infatti, le vittorie dell’Italia sono ben tredici, l’ultima delle quali ottenuta tre anni fa, a marzo 2013, nel Main Round di qualificazione in vista dell’Europeo in Belgio, quando gli azzurri si imposero per 9-1 grazie alle doppiette di Lima, Fortino e Saad e alle reti di Honorio, Leggiero e Patias. Da sottolineare come, al tempo, il gol ungherese di Droth interruppe il digiuno di segnature dei magiari contro l’Italia che perdurava da quattro partite. Il bilancio dei gol realizzati nei 17 precedenti vede l’Italia capace di mettere a segno 84 reti, contro le 31 siglate dall’Ungheria.

LA FORMULA – La sfida in programma martedì sarà valida come andata del turno; il ritorno, invece, si terrà mercoledì 13 aprile, a Prato. In caso di parità di gol segnati nella doppia sfida avrà la meglio la squadra capace di mettere a segno più reti in trasferta, mentre in caso di ulteriore parità si procederà con tempi supplementari ed eventuali rigori.

Nazionale
11 Marzo 2016

Torna la Serie A: spiccano il derby di Montesilvano e Luparense-Kaos

Con ancora nella testa le immagini del trionfo del Pescara in Final Eight, è di nuovo tempo di Serie A, con la 22° giornata pronta ad andare in scena. Turno ricco di incontri interessanti che si aprirà questa sera e si concluderà con due posticipi in programma domenica, ma che non vedrà protagoniste le due capoliste, nonché finaliste della Coppa Italia, Pescara ed Asti, entrambe chiamate al turno di riposo.

NAPOLI – REAL RIETI (venerdì, ore 20.30): Ad aprire la giornata di campionato sarà il match del PalaCercola che mette in palio punti pesantissimi per entrambe le squadre. Se i padroni di casa, dopo la vittoria contro il Montesilvano che ha permesso agli azzurri di abbandonare la zona playout, hanno avuto due settimane per preparare il match, lo stesso non si può dire del Rieti, reduce da una vittoria sudata contro la Luparense nell’ultimo turno di campionato, ma sconfitto, seppur solamente ai rigori, dall’Asti nei quarti di finale della Coppa. Il Napoli spera di trovare punti che la potrebbero allontanare dalla zona rossa della classifica, il Rieti, invece, con una vittoria si porterebbe a un solo punto dal duo di testa, così da poter combattere con loro, nelle prossime quattro giornate, per la conquista del primato. Nella sfida d’andata, dopo il 2-2 al termine del primo tempo, si impose per 6-4 il Rieti.

ACQUA&SAPONE – MONTESILVANO (venerdì, ore 21.00, diretta tv su RaiSport2): Entrambe beffate ai rigori nei quarti di finale di Final Eight, le due abruzzesi cercano un pronto riscatto nel derby di questa sera. Separate in classifica da 5 punti, ma con nessuna squadra a far da cuscinetto tra loro, Acqua&Sapone e Montesilvano inseguono punti che permetterebbero, agli uomini di Bellarte di mettere una seria ipoteca su un posto tra le prime quattro della graduatoria, e a quelli di Ricci di riscattare un periodo negativo, evitando di vedersi improvvisamente complicato il cammino verso i playoff. Prima della sosta per la Coppa, le due squadre stavano vivendo momenti differenti: l’Acqua&sapone, infatti, era reduce da quattro vittorie consecutive in campionato, il Montesilvano, che sarà privo dello squalificato Burato, al contrario, veniva da sei match in cui non era mai riuscito a portare a casa i tre punti. Un girone fa si imposero, in trasferta, per 2-1 i neroazzurri.

LUPARENSE – KAOS (sabato, ore 18.00): Unico match del sabato, quello tra Luparense e Kaos, promette spettacolo e battaglia. I Lupi, assenti in Final Eight, nell’ultimo match, disputato contro il Rieti, hanno visto interrompersi la propria striscia di vittorie, pur dimostrandosi ancora una volta avversario ostico per chiunque; il Kaos, che invece in Coppa Italia ha sfiorato la finale fermandosi solo ai rigori nella semifinale contro l’Asti, nelle ultime quattro uscite in campionato ha ottenuto due vittorie e due pareggi, costringendo al pari, nell’ultimo turno, anche il Pescara. Gli estensi, qualora ottenessero tre punti, avrebbero la possibilità di blindare la propria qualificazione ai playoff; i veneti, attualmente noni, invece, potrebbero, Cogianco e Latina permettendo, ulteriormente avvicinarsi all’ottavo posto. All’andata si impose il Kaos per 4-1.

LAZIO – COGIANCO (domenica, ore 17.00): Oltre a quello abruzzese, la 22° giornata di campionato propone anche il derby romano con Lazio e Cogianco, pronte a contendersi punti pesantissimi, seppur per obiettivi diversi. La Lazio, che due settimane fa è stata sconfitta dal Latina ed è scivolata all’ultimo posto della classifica, non può più permettersi passi falsi se vuol provare ad uscire dalla zona rossa. Passi falsi che, però, non deve commettere neanche la Cogianco che, dopo aver vinto una sola partita nel girone di ritorno, è precipitata all’ottavo posto e ha solo più due punti di margine per la zona playoff. La squadra di Musti, però, ha dimostrato in Coppa Italia, eliminando l’Acqua&Sapone e facendo sudare il Pescara, di avere le carte in regola per giocarsela contro chiunque; quella di Mannino, costretto a rinunciare allo squalificato Perri, è chiamata a ripetere le brillanti prestazioni mostrate, ad esempio, nelle partite contro Asti e Corigliano. Un girone fa la partita fu spettacolare: a meno di un minuto dalla fine, sul punteggio di 1-1, la Lazio si portò in vantaggio ma venne raggiunta 15” grazie al gol di Waltinho; proprio sulla sirena, però, la rete di Gioia regalò i tre punti ai biancocelesti.

CORIGLIANO – LATINA (domenica, ore 18.00): Ultimo match della giornata sarà quello in programma al PalaBrillia tra Corigliano e Latina. I calabresi, che non vincono da ottobre e non hanno ancora fatto punti nel girone di ritorno, sono scesi al penultimo posto della classifica e sono chiamati a una sorta di ultima spiaggia se non vogliono vedere sempre più vicino lo spettro playout; la squadra di Basile, eliminata ai quarti di Coppa dal Pescara, ma vittoriosa nell’ultimo turno di campionato contro la Lazio, vuole fare punti per non perdere il vantaggio sulla nona posizione, avvicinandosi ulteriormente al traguardo dei playoff. Nel match disputato un girone fa a Latina, netta affermazione dei padroni di casa che si imposero per 7-1, grazie anche alla tripletta di Maina, domenica out per infortunio.

News Nazionale
11 Marzo 2016

Giovannone ha deciso: l’Asti non si iscriverà la prossima stagione

L’Asti dice basta. Il CDA straordinario, tenutosi nella serata di ieri, ha deliberato che la società neroarancio, a partire dalla prossima stagione, non iscriverà più la propria Prima Squadra a nessuna delle competizioni organizzate dalla Federazione. Nel comunicato diramato pochi minuti fa, a firma del Presidente Giovannone, gli orange annunciano che, al contrario della Prima Squadra, continueranno invece le attività di tutto il settore giovanile che verrà ulteriormente potenziato.
Questo il testo integrale del comunicato stampa:

“Il Consiglio Direttivo dell’Orange Futsal – ieri riunitosi in via straordinaria – ha deliberato all’unanimità e in modo irrevocabile, su proposta del Presidente Claudio Giovannone, che a far tempo dalla prossima stagione sportiva la sua Prima Squadra non parteciperà alle future edizioni di nessun Campionato italiano, della Coppa Italia della Winter Cup nè di eventuali Supercoppa italiana e UEFA Futsal Cup.
Detta decisione è stata assunta in quanto la Società non intende più sottostare alle linee direttive degli attuali Dirigenti della Divisione Calcio a 5 della F.I.G.C..
Orange Futsal conferma tuttavia di aver assunto anche la decisione di proseguire la propria attività nell’ambito del settore giovanile che sarà anzi potenziato con educatori ed istruttori di altissimo livello professionale al fine di favorire ulteriormente la diffusione della pratica del calcio a 5 in tutta la Provincia di Asti e la cui iscrizione sarà gratuita per tutti quei bambini e giovani le cui famiglie non superino il reddito annuo di Euro 15.000.
La Società ed il suo Presidente comunicano inoltre di aver conferito mandato allo Studio Legale Ferreri e Associati di Torino al fine di valutare ogni azione a tutela dei loro diritti sportivi, personali, economici e finanziari.
Orange Futsal rende infine noto che il suo silenzio stampa terminerà solo alla fine del Campionato di Serie A in corso.
Il Presidente”

A meno di, a questo punto clamorosi, colpi di scena, dunque, tra qualche mese cesserà l’attività di una delle squadre di vertice della Serie A italiana, capace nel corso degli ultimi anni di vincere due Coppa Italia e due Winter Cup, oltre che di annoverare nel proprio roster giocatori di assoluto livello.

Ph. Constantin Pletosu

News Nazionale
9 Marzo 2016

Bufera Asti: niente premiazione, squalifiche e CDA straordinario

Il Presidente Giovannone lo aveva annunciato sulla propria pagina Facebook a pochi minuti dal termine della finale della Final Eight e, neanche 72 ore più tardi, le sue parole si sono trasformate in realtà. Nel tardo pomeriggio di oggi, infatti, come preannunciato già ieri sul proprio sito internet, tutti i dirigenti dell’Orange Futsal si sono ritrovati presso la sede del club per decidere il futuro dello stesso, dopo le roventi polemiche del post Coppa Italia: alla Società neroarancio non sono proprio piaciute alcune delle decisioni prese dagli arbitri durante la finalissima, come il discusso contatto sul finire del primo tempo tra Caputo e Chimanguinho o l’espulsione del pivot a metà della seconda frazione di gioco, e l’ira del Presidente Giovannone si è palesata prima con alcuni roventi post pubblicati sul suo profilo Facebook, frasi che sono state poi segnalate lunedì alla Procura Federale, e poi con la convocazione di un Consiglio d’Amministrazione straordinario.

Ricordiamo inoltre che, sempre per volontà del proprio numero uno, l’Asti ha scelto, a partita ancora in corso, di non presenziare alla premiazione, così come non avrebbe fatto nemmeno in caso di conquista della Coppa.
I fatti hanno portato a duri provvedimenti presi in giornata dal Giudice Sportivo che ha deciso che l’Asti dovrà pagare una multa di 4000 euro per non aver partecipato al saluto fair play e per non aver preso parte alla premiazione, violando così i principi di lealtà e correttezza. L’aver permesso di compiere i fatti citati ha portato il Giudice Sportivo a inibire fino al termine della stagione Lorenzo Lombardi, dirigente accompagnatore orange, e di squalificare per due giornate Duarte, domenica capitano vista l’assenza di Ramon.
Le decisioni degli arbitri, invece, hanno portato alle squalifiche per un turno di Bocao e Chimanguinho, e all’inibizione fino al 23 marzo per il dirigente Michele Lombardi.

Mentre il Giudice Sportivo comunicava le sue decisioni era dunque ancora in corso la riunione tra i vertici dell’Orange Futsal, quella riunione che porterà, forse, a decisioni importanti anche sul futuro stesso del club e che, come annunciato nel pomeriggio dallo stesso Giovannone, porterà ad un comunicato stampa ufficiale che l’Orange Futsal pubblicherà nella giornata di domani. Ore di attesa per i tifosi orange e per tutti gli appassionati di futsal italiano: cosa verrà deciso nella sede orange?

News Nazionale
7 Marzo 2016

Ufficiale: l’Italia giocherà a Prato il ritorno di qualificazione al Mondiale

Manca ancora un ultimo ostacolo alla Nazionale Italiana di Futsal per conquistare l’accesso al Mondiale di Colombia 2016 (dal 14 Settembre al 2 Ottobre): si tratta del turno di playoff contro l’Ungheria.
La gara d’andata si giocherà martedì 22 marzo a Miskolc, mentre per il ritorno è stato deciso mercoledì 13 aprile al PalaEstraforum di Prato, dove la nazionale guidata da Roberto Menichelli ha vinto 8 partite su 8.
L’Ungheria è avversario alla portata degli Azzurri ma nei 17 precedenti sono riusciti a vincere 2 volte e pareggiarne altrettante, a dimostrazione che rimane una formazione temibile.
Ovviamente per tale occasione si chiamano a raccordo tutti i tifosi da ogni parte d’Italia per conquistare il pass alla competizione più importante del Futsal e riscattare l’amaro ricordo dell’Europeo.

News Nazionale